PUGILISTICA CENTOCELLE



La Pugilistica Centocelle è, come si evince dal nome stesso Palestra Storica di Pugilato, sita nel cuore pulsante del quartiere popolare di Centocelle. Fondata da Sante Carucci 60 anni fa e cresciuta grazie all'impegno dei due fratelli Renato e Carlo Massoli, è oggi un luogo di culto per gli amanti del Pugilato. Chi entra dentro la Pugilistica Centocelle trova non solo una palestra, ma una grande famiglia pronta ad accoglierlo per trasmettergli tutte le regole e la disciplina legata a questo sport. Per amatori del Pugilato o per chi si appresta al suo primo Match sul ring. Il Pugilato non si può improvvisare, è il frutto di una preparazione non solo fisica ma anche mentale e psicologica. Lo sanno bene i ragazzi e i frequentatori abituali della Centocelle. Siamo sicuri che con il duro allenamento e la dovuta preparazione chiunque può diventare un grande campione. Basta crederci, impegnarsi e fermamente volerlo. I nostri punti di riferimento sono idoli come Primo Carnera, Muhammad Ali, Joe Louis, Sugar Ray Robinson, Mike Tison. Grandi pugili, grandi campioni, ma soprattutto grandi uomini. Se anche voi avete deciso di intraprendere questo cammino e se credete che il ring sia il posto giusto per voi, venite a trovarci. Vi aspettiamo.

  • I pugni si danno, i pugni si prendono. Questa è la boxe. Questa è la vita.

    PRIMO CARNERA

  • Volteggia come una farfalla, pungi come
    una vespa

    MUHAMMAD ALI

  • Per salire sul ring bisogna avere un tipo speciale di coraggio

    JOE LOUIS

  • Attaccare significa applicare metà dell'arte pugilistica

    GEORGES CARPENTIER

  • Quando il tuo allenatore ti dice di fare qualcosa, devi farlo

    EMILE GRIFFITH

  • Il ring è il posto più bello del mondo, già sai quello che ti può capitare

    MIKE TYSON

  • Per diventare un campione devi credere in te nonostante tutti

    SUGAR RAY ROBINSON

Incontri leggendari

img07
Muhammad Ali e George Foreman nel 1974

Uno dei match più importanti della storia della boxe, segnò la riconquista del titolo da parte di Ali.

img07
Marvin Hagler e Thomas Hearns

Il miglior primo round della storia del pugilato, nel 1985

img07
Mike Tyson e Evander Holyfield

Un match che ha fatto scalpore, nel 1997

Il pugilato nella storia.

Le origini del pugilato risalgono all'antichità. Alcuni incontri famosi sono descritti addirittura nell'Iliade e nell'Eneide. I combattenti usavano proteggersi le mani con lacci di cuoio rinforzati con placche di piombo. Ma bisogna giungere al 1719 per vedere nascere a Londra una scuola moderna di pugilato. Nello stesso anno un certo James Figg si autodichiarò campione di boxe avendo vinto 15 combattimenti e non trovando nessun avversario che avesse il coraggio di sfidarlo. Al tempo non si parlava di boxe ma di "nobile arte della difesa" e ai suoi praticanti venivano richieste caratteristiche come coraggio, forza, intelligenza e velocità. Naturalmente, oltre al sapersi difendere, a scuola si imparava anche come far valere i propri diritti, i quali erano meglio difesi dopo abbondanti mescite di birra e gin. Non esistevano regole di combattimento e i pugilatori lottavano a mani nude.

LA NOBILE ARTE DEL PUGILATO

C'è ancora qualcuno che crede che la boxe sia uno sport violento, al contrario scarica le tensioni ed insegna a controllare l'aggressività.

Quante volte infatti avrete osservato, al termine di un match di pugilato, i contendenti abbracciarsi fra loro? Finito il combattimento, appena suona la campana dell’ultimo round, i pugili si abbracciano. In questo gesto c’è il senso della boxe. L’abbraccio è il rispetto che bisogna avere per l'avversario che rappresenta le difficoltà della vita. La boxe è storia, è leggenda. Puoi giocare a calcio, puoi giocare a Basket, puoi giocare a pallavolo, ma non puoi giocare a fare la boxe... devi combattere! E questo tipo di combattimento prevede una disciplina ben specifica, non ci si può improvvisare. E' una disciplina dura, strutturata, quella che si nasconde dietro un paradenti, un paio di calzoncini e due guantoni. Sono due cuori su un ring che si battono per dimostrare chi è il più forte. Su un ring, appunto, non in mezzo alla strada, allo stadio, o in famiglia. Quali sono i vantaggi di questa disciplina? Il pugilato aumenta l'autostima, aiuta ad acquistare sicurezza in se stessi, a scaricare le tensioni e a controllare l' aggressività e l' ansia. Attraverso un allenamento costante si sviluppano agilità e fiato, oltre a tutta la muscolatura del corpo come gambe, braccia, addominali, collo e schiena.

© 2016 PUGILISTICA CENTOCELLE. All rights reserved | Design by IL SITO CHE VUOI TU